Sistemi di aspirazione e filtrazione per l’industria grafica e tipografica

La scelta di prodotti, macchine e bracci aspiranti per l’aspirazione, la filtrazione e la depurazione dell’aria da inquinanti all’interno dell’industria cartaria, grafica e tipografica, deve tener conto dei diversi processi di produzione molto diversi tra loro.

Depolveratori per la lavorazione della carta

L’industria cartaria e cartotecnica, propriamente detta, necessita perlopiù di depolveratori nel momento in cui, terminati i processi umidi di estrazione della cellulosa e impastaggio carta, si passa al taglio della carta avvolta in bobine che poi continuerà la sua vita incontrando processi grafici e tipografici. In questa prima fase esiste quindi la necessità di aspirare la polvere che viene generata appunto dal taglio della carta appena prodotta.

Filtrazione di inquinanti durante stampa e rilegatura

Continuando a seguire il processo, incontriamo la necessità di aspirare fumi e polveri dovuti ai diversi processi di stampa tipografica (serigrafia, litografia, termorilievo, stampa a caldo, stampa offset, etc) dove la necessità principale è quella di aspirare e filtrare fumi, polveri e vapori dovute alla presenza di solventi e inchiostri che durante la stampa a causa della movimentazione e riscaldamento vengono disperse in ambiente.

Infine, successivamente alla fase di stampa, esiste ancora la fase di taglio, rifilatura e rilegatura della carta. In quest’ultima parte del processo viene generato del pulviscolo, facilmente captabile e filtrabile attraverso bracci aspiranti e macchine filtranti.

Riassumendo: per applicazioni tra cui la preparazione di inchiostri, prodotti vernicianti, stampa topografica, litografica, serigrafica, tampografica e varie, processi di essiccazione e polimerizzazione, pulizia di apparecchiature con detergenti a base di sostanze organiche volatili (SOV –COV) o ancora per operazioni di incollaggio e legatoria si consigliano delle macchine a carboni attivi e all’occorrenza provviste anche di filtro assoluto HEPA (con efficienza H13). I depolveratori a secco sono invece comuni durante le fasi di rifilatura, taglio, confezionamento e imballaggio dove appunto vi è la dispersione in ambiente di polveri e pulviscolo.

L’esperienza Airbravo e i prodotti consigliati

In AirbravoTM, abbiamo lavorato sovente negli oltre 40 anni di storia aziendale, accanto a grandi e piccole aziende del settore cartotecnico e tipografico, botteghe, piccole e medie tipografie, industrie artigiane e realtà industriali per offrire di volta in volta piccole o grandi macchine per la filtrazione di Composti Organici Volatili (COV) o polveri con ricircolo dell’aria filtrata nell’ambiente di lavoro (ove possibile) o all’esterno (in presenza di grandi quantità).

Prodotti consigliati:

  • Bracci aspiranti professionali serie EP equipaggiati con cappe speciali
  • Depolveratori a secco con filtro a tessuto
  • Macchine filtranti a carboni attivi per COV