Sistemi di aspirazione e filtrazione per l’industria navale

L’industria navale si caratterizza per lavorazioni che generano grandi quantitativi di polveri e fumi nocivi dannosi per la salute degli operatori del settore. Si pensi ad esempio alle operazioni di taglio, smerigliatura, molatura, rifilatura e ancora ai fumi e vapori sprigionati da resine, fibre di vetro, lavorazione del plexiglas o utilizzo di colle.

E’ fondamentale infatti evitare che gli operatori dell’industria navale siano esposti o vengano a contatto, in maniera prolungata, con le polveri molto fini, talvolta anche composte da fibra di vetro (a causa dell’utilizzo frequente di vetroresina) che vengono prodotte dalle lavorazioni per la realizzazione degli scafi e la messa a punto di barche e navi.

L’aspiratore carrellato (serie JMC) per ventilazione e depolverazione

Per l’aspirazione di grandi quantitativi di polveri, uno dei prodotti più venduti per il settore navale è l’aspiratore carrellato (serie JMC) che garantisce potenza e prestazioni eccellenti aspirando le polveri prodotte. Inoltre, grazie al carrello dotato di ruote robuste e frenanti, lo si può spostare facilmente per seguire l’operatore in tutte le fasi della lavorazione.

Bracci aspiranti per lavorazioni meccaniche di saldatura, verniciatura, carpenteria etc

Per le lavorazioni meccaniche, di saldatura, verniciatura, operazioni di carpenteria e metalmeccanica dell’industria navale si consiglia l’installazione di bracci aspiranti in configurazione fissa o carrellata secondo le esigenze. Non manca la possibilità di dotarsi di unità di filtrazione mobili provviste di braccio aspirante, con portata e sistema filtrante ad hoc e con la possibilità di far ricircolare l’aria purificata all’interno dell’ambiente di lavoro.